"Buy Now": ecco la nuova Funzionalità di Facebook

"Buy Now": ecco la nuova Funzionalità di Facebook

Facebook Remarketing: Zuckerberg vuole lasciare i competitor a bocca asciutta...

Con l'attivazione delle nuove "call of actions" sarà più semplici trasformare i propri utenti in clienti del proprio prodotto.

Infatti con la nuova opzione Facebook sarà possibile attivare dei pulsanti come "Compra ora", "Registrati", "Prenota", "Scarica" per i Page Post ADS, le aziende potranno scegliere modalità mirate ed azioni immediate e ritagliate sulla base dei diversi utenti di Facebook.

Cosa non si fa per incrementare il conversion rate? Nonostante i dati abbiano già descritto Facebook come la piattaforma più importante per accrescere il Conversion Rate dei loro prodotti, Zuckerberg evidentemente vuole di più.

Secondo noi questa strategia di #SMM ha due letture parallele. La prima lettura, in accordo con quanto scritto da Social Media Network, è che Facebook sta tentando di sviluppare una piattaforma che si adatti costantemente all'identità dei suoi utenti, stimolando l'acquisto del prodotto tramite i diversi Page Post ADS e riproponendoli in diversi momenti e contesti virtuali.

Questa tendenza è frutto di una riscrittura delle tecniche cosiddette di remarketing che stanno spopolando sul Web 3.0. Per capirci

 

"Un chiaro esempio potrebbe essere quello di un hotel che, utilizzando un pubblico personalizzato, andrà a mostrare annunci mirati soltanto agli utenti che hanno mostrato interesse per le camere dell’albergo per esempio la settimana precedente, senza aver fatto ancora alcuna prenotazione" (fonte Social Media Network)."

 

A questo gruppo selezionato di utenti verrà quindi mostrato un Post ADS con un pulsante che magari propone loro uno sconto immediato in caso di prenotazione diretta. Questo è quello che si chiama "economia delle tempistiche" e massimizzazione dei risultati, sia per il vantaggio tratto dal cliente che per l'azienda che massimizza il suo ROI e il suo CR.

 

Infine, la seconda lettura che noi proponiamo è che Facebook continua a voler mantenere un certo margine di vantaggio rispetto alla nuova identy platform che sta letteralmente prendendo piede sul Web, ovvero Google Plus. Non è scontanto pensare che tutti gli strumenti specifici di Facebook dell'ultimo periodo siano stati creati per definire una sorta area franca e autonoma dalla potenza sempre crescente di Google.

 

Se la battaglia si sta svolgendo sul profiling dettagliato delle passioni, delle preferenze e degli interessi degli utenti, Google plus è già avanti anni luce perché ha creato un sistema integrato di ADV pervasivo e segue autonomamente l'utente in ogni aspetto della sua vita lavorativa e non  (dalla mail, al Web e alla nuova Identity Platform). Mark Zuckerberg dovrà ancora lavorare molto per ampliare un gap che Google cerca invece di colmare giorno dopo giorno.