Cosa sono realmente le Digital PR?

Cosa sono realmente le Digital PR?

Il web ha rivoluzionato l'ufficio stampa tradizionale e fatto nascere nuove professioni, come quella del Digital PR Manager.

L'ufficio stampa tradizionale sta cedendo il passo a Virtual Press Office e Digital PR. Il cambio di rotta che il mondo sta vivendo nella gestione dei rapporti interpersonali, che oggi avviene principalmente attraverso il web, i social, le community, sta completamente rivoluzionando il mondo della comunicazione e creando nuove professioni digitali sempre più richieste.

Fino a un pò di tempo fa l'ufficio stampa si occupava principalmente di promuovere l'immagine del brand sulle principali testate giornalistiche e stringere relazioni con stakeholders e giornalisti del settore di riferimento del cliente, ad esempio partecipando ad eventi e manifestazioni. All'interno degli immensi database creati e implementati ogni giorno con nuovi contatti, nuovi numeri di telefono e nuovi indirizzi e-mail, si potevano trovare soprattutto giornalisti, freelance, esperti divisi per tipologia di testata, ruoli, mercati e categorie (es. caporedattore economia, redattore ambiente, caporedattore IT, caposervizio attualità e cronaca, art director, fashion editor...) 

Oggi anche i database, fonte inesauribile di informazioni in continua evoluzione, cari a chi per anni si è occupato di ufficio stampa, si stanno evolvendo. 

Il Digital PR Specialist, quindi, colui che si occupa delle pubbliche relazioni in ambito digital, deve ampliare i suoi contatti andando ad intercettare stakeholders, influencer e blogger considerati un punto di riferimento nel settore di appartenenza del brand di cui sta curando la comunicazione online. Questo significa essere attento e in grado di ascoltare il web, andando a scovare le persone più influenti all'interno delle community o più attive sui social media, seguendo i blogger e creando delle relazioni. Non ci si può limitare ad inviare il comunicato stampa o il pitch, ma è necessario comprendere quali possano essere gli argomenti di interesse e proporre contenuti utili e in linea con lo stile del loro blog. Contenuti sempre nuovi e diversificati.

La domanda che spesso ci si pone è come andare ad intercettare gli influencer. Le possibilità sono molteplici. E' possibile iniziare con uno screening della rete, inserirsi nelle community per capire come è percepito il brand, agganciare i blogger sui social media (LinkedIn, Facebook e Twitter), ma è possibile anche utilizzare tools esistenti sia free che a pagamento come Twazzup (per individuare gli influencer su Twitter), Followerwonk (sempre per Twitter) o Buzzoole. Mentre per i blogger è bene inizialmente, prima di avere un'idea ben chiara di chi andare a contattare, fare una ricerca su Blogbabel o Audiweb per dare un'occhiata alle classifiche.

Il lavoro è lungo e complesso e va strutturato in modo costante e continuativo.

Le varie fasi prevedono:

  • ascolto della rete;
  • individuazione di influencer e blogger di riferimento nel settore attraverso la rete e i social media,
  • implementazione del database;
  • contatto diretto e creazione di relazioni;
  • creazione di contenuti;
  • monitoraggio continuo.

Ma non solo, per promuovere il brand online, ci si deve avvalere anche di elementi tecnici, rispetto ai classici comunicati stampa, è necessario conoscere le dinamiche base della rete, avere delle basi di utilizzo di CMS, scrivere i contenuti in ottica SEO e fare Link Building. 

Le Pubbliche Relazioni classiche si sono oggi trasformate in People Relation e le web agency cercano oggi molte risorse in grado di gestirle. Non è necessario avere un background preciso per avvicinarsi a questa professione, ma dimostrare curiosità, capacità di ascolto, capacità di scrittura e spiccate doti comunicative.

Per approfondire questi argomenti, sapere quanto guadagna in media un Digital PR Manager e scoprire tutte le altre professioni oggi richieste, si può fare riferimento ad alcune pubblicazioni, come il nuovo libro di Giulio Xhaet "Le nuove professioni del web" o il libro Internet PR di Marco Massarotto.