Se Steve fosse nato in provincia di Napoli: un esempio di viralità

Se Steve fosse nato in provincia di Napoli: un esempio di viralità

Dal giorno della sua pubblicazione, il post “Se Steve fosse nato in provincia di Napoli” è stato condiviso su tutti i social network. Un vero e proprio esempio di viralità sulla rete. Noi di Copiaincolla.net non potevamo non dedicare uno spazio al fenomeno web degli ultimi giorni.

Dal giorno della sua pubblicazione, il post “Se Steve fosse nato in provincia di Napoli” è stato condiviso su tutti i social network.

Noi di Copiaincolla.net non potevamo non dedicare uno spazio al fenomeno web degli ultimi giorni. Pubblichiamo di seguito una bella intervista all’autore del Post a Antonio Menna, apparsa su Webdopera.

"Innanzitutto volevamo sapere come ti è nata l'idea di questo articolo. In tanti hanno trovato l'originalità e la precisione in alcuni passaggi dell'ipotetica situazione di un Jobs sotto al Vesuvio. "L’idea di scrivere quel racconto è nata quando, dopo la morte di Jobs, il web è stato inondato di ricordi. In particolare il video della sua conferenza a Stanford.

Be Hungry, Be Foolish

Tutti hanno ripetuto per giorni la frase di conclusione di quell’intervento. Io sono partito da lì, e ho voluto dire che non ero d’accordo. Nell’affermazione di sé, di sicuro, conta la 'fame', e conta la follia, ma non sono tutto. Ci vogliono anche fattori ambientali positivi. La retorica della volontà è spesso un alibi per non vedere tutti i fattori esterni che influiscono sullo sviluppo mancato. E’ un racconto di fantasia, ma che si ispira evidentemente a quello che si vede in giro". Vorremmo capire qual è la tua posizione nei confronti del "Paese Italia" e cosa ne pensi dell'innovazione (soprattutto tecnologica) nella nostra penisola.

Menna: "Io sono un giornalista, ho sempre lavorato per la carta stampata, e posso testimoniare di quanto siamo indietro in questo campo. I giornali tradizionali stanno morendo e non se ne accorgono. Ho scritto un post sul mio blog dove riflettevo su una cosa. Se avessi pubblicato il mio breve racconto sullo Steve Jobs napoletano sull’Unità, lo avrebbero letto 43.682 persone. Se lo avessi pubblicato sul Sole 24 ore lo avrebbero letto 258.183 persone, ammesso che tutti gli acquirenti del quotidiano si fossero fermati su quel pezzo. Invece l’ho pubblicato sul mio blog e lo hanno visualizzato, 320mila volte in cinque giorni, con più di 700 commenti e 500 persone che si sono abbonati al blog per ricevere i futuri aggiornamenti. L’ho pubblicato sul web ed è diventato un fenomeno, chiamando, paradossalmente, i media tradizionali, a rincorrerlo con l’affanno. I media tradizionali restano a bocca aperta di fronte a questi numeri, e sembrano non rendersi conto, o non voler pensare, che è cambiato tutto. Il web dominerà il mondo dell’informazione. Sarebbe bene che i giornali tradizionali capissero presto la lezione"

Concludendo con le considerazioni generali sul Belpaese siamo curiosi di capire quali siano state le conseguenze "social" di un tema così provocatorio (numero condivisioni, richieste di amicizia su facebook, twitter, google+).

Menna: "Naturalmente ho avuto tante richieste di amicizia su Fb. Le ho accettate tutte, cambiando il mio modo di stare su quel mezzo. Prima tenevo gli amici al di sotto dei 400, cercando di avere in lista solo persone con cui avevo un effettivo scambio. Poi, con il successo del post, mi è sembrato sgarbato rifiutare le richieste che arrivavano da tutte la parti. Così le ho accettate. Oggi sono sui 500. Su Twitter avevo solo cento persone che mi seguivano. Oggi sono 371. Mi arrivano ogni giorno nuove richieste".

Sicuramente non saremo gli unici ad averti contattato dopo il pezzo. Sono stati in tanti?

Menna:"Come dicevo sopra, sì, tantissimi. Mi hanno contattato innanzitutto i lettori, quelli che lo hanno condiviso. Poi sono arrivati i giornali. Alcune testate on line hanno pubblicato il testo, altri mi hanno intervistato. Sono uscito sul Corriere, sul Fatto, sul Secolo XIX, sul Mattino, sul Sole 24 ore, su Vanity Fair, e poi, infine, addirittura sulla seconda pagina di Le Monde. Sono stati invitato a Unomattina, su Raiuno, e all’Aria che tira, su La 7, oltre ad una serie di interviste radiofoniche per emittenti private".

Quante visite hai ricevuto dal momento in cui hai cliccato il pulsante "Pubblica" fino a quando non avrai cliccato il tasto invio completando le risposte a questa breve intervista.

Menna:"Il numero esatto delle visite da quando ho messo on line il post (otto ottobre) ad oggi che rispondo (13 ottobre) è 318.176. Nei sei mesi precedenti, in totale, ne avevo avuto 3mila. La maggior parte sono arrivati da Facebook, dove c’è stata una condivisione a tappeto". Se Steve fosse nato in provincia di Napoli – Il post